Glossario meteorologico 

Home
ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWX Y Z

Anticiclone

Area che presenta, generalmente una forma circolare o ellittica, caratterizzata da livelli della pressione atmosferica relativamente più elevati rispetto alle zone circostanti. In un'area di alta pressione, allontanandosi dai margini della stessa e procedendo verso il centro, i valori barici tendono a salire fino a raggiungere uno o più massimi (assoluto e relativi). Nelle carte metereologiche di analisi della pressione i massimi sono indicati con una lettera maiuscola ("H" in inglese e tedesco, "A" in italiano, francese e spagnolo).
Gli anticicloni sono caratterizzati da livelli di pressione relativamente elevati perché consistono in masse d'aria che presentano un minor contenuto di vapore acqueo e, pertanto, risultano più pesanti. In particolare, le masse d'aria degli strati più alti (più freddi e pesanti) tendono a dirigersi lentamente verso il basso, l'aumento della pressione conseguente la diminuzione della quota determina, inoltre, anche un'aumento della temperatura. Questo fenomeno noto come subsidenza atmosferica fa si che la massa d'aria anticiclonica sia caratterizzata al suo interno da un flusso d'aria discendente dagli strati più fino al suolo determinando un generale dissolvimento delle nubi.
Al suolo il flusso d'aria proveniente dagli strati alti dell'atmosfera tende ad allontanarsi dalle zone con pressione più elevata e, in questo spostamento verso l'esterno, si genera un movimento in senso orario nell'emisfero boreale e antiorario in quello australe.

Anticiclone termico

Nei contesti anticiclonici, quando l'irraggiamento solare è modesto o assente ovvero nelle ore notturne, nelle stagioni più fredde e alle latitudini più elevate, soprattutto nelle zone continentali, l'aria secca e l'assenza di nubi favoriscono un forte raffreddamento del suolo dando origine alla formazione di foschie, nebbie e inversioni termiche.Tale situazione, su larga scala, in alcune regioni del globo determina, proprio a causa della maggiore pesantezza dell'aria fredda, valori barici anche molto elevati in superficie. Ne risultano vasti anticicloni al suolo, detti termici a cui non corrispondono analoghe aree di alta pressione in quota. Nell'emisfero boreale a tale categoria vanno ricondotti sia l'anticiclone russo-siberiano sia l'anticiclone groenlandese.

Anticiclone dinamico

Nelle zone tropicali, viceversa, si hanno gli anticicloni dinamici che, a differenza di quelli termici occupano l'intera troposfera e sono caratterizzati da temperature elevate al suolo. Tra le figure bariche classificabili tra gli anticicloni dinamici rientrano l'anticiclone delle Azzorre e l'anticiclone subtropicale africano. La presenza degli anticicloni è generalmente garanzia di bel tempo dato che ad essi corrispondono, di solito, cieli sereni o poco nuvolosi con ventilazione debole e a regime di brezza. Il forte riscaldamento al suolo associato a infiltrazioni di aria fresca e umida genera spesso dei moti convettivi che possono dar vita alla formazione improvvisa di nubi a sviluppo verticale con possibili temporali di calore soprattutto nelle zone montane e pedemontane.


In inglese: Anticyclone
In spagnolo: Anticiclón
In tedesco: Hochdruckgebiet, Antizyklone
In francese: Anticyclone
In olandese: Hogedrukgebied, anticycloon

Ultima modifica: 2016-09-01 11:47:25
<- Torna alla pagina principale