Glossario meteorologico 

Home
ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWX Y Z

Anticiclone russo-siberiano

Area di alta pressione al suolo che, nei mesi più freddi, interessa buona parte del continente euroasiatico alle alte e medie latitudini. Il marcato raffreddamento al suolo si propaga negli strati atmosferici adiacenti interessando principalmente la bassa troposfera e determinando il verificarsi di elevati valori barici al suolo.
Più in alto, invece, l'influenza termica delle masse continentali sarà scarsa o nulla e, pertanto, prevarranno valori barici bassi o livellati. Il cuscinetto freddo al suolo è favorito, oltre che dalla elevata continentalità delle regioni interessate, dal marcato effetto albedo attribuibile alla copertura nevosa del suolo con conseguente e diffusa inversione termica.
L'anticiclone russo-siberiano è, insomma, un tipico anticiclone termico.
In questo contesto si registrano i valori barici, normalizzati al livello del mare, più elevati di tutta la superficie terrestre con valori anche superiori ai 1080 hPa registrati in Siberia e Mongolia. D'altra parte quest'enorme massa d'aria fredda fa registrare anche le temperature più basse dell'intero emisfero boreale* con estremi termici assoluti inferiori ai -60°C in talune località della Jacuzia.
La fisionomia geografica di questa figura barica è, ovviamente, variabile nel tempo e dipende, oltre che dai cicli stagionali, anche da una serie di fattori tra i quali l'intensità e le fluttuazioni del vortice polare, nonchè, dalle traiettorie e dalle intensità dei venti occidentali e delle correnti a getto. A seconda dei casi, ad es., l'anticiclone russo-siberiano, può espandersi significativamente in diverse direzioni, determinando temperature nettamente inferiori alla media sulle Filippine o in Indocina, oppure gelo estremo su Alaska e parte del Canada. La dilatazione dell'anticiclone russo-siberiano verso ovest determina, invece, l'afflusso di aria artico-continentale sull'Europa. In alcuni casi si può saldare con l'anticiclone delle Azzorre attraverso il cosiddetto Ponte di Voejkov. Anche in Europa il gelido abbraccio dell'orso, accompagnato, talvolta, dal buran, determinerà temperature estremamente basse al suolo ma non in quota data la natura delle masse d'aria di origine.

Anticiclone russo-siberiano: posizionamento tipico.

Qui sopra, l'area approssimativa maggiormente interessata dall'anticiclone russo-siberiano.



* Sulla calotta glaciale groenlandese si verificano temperature analoghe ma l'assenza di stazioni meteorologiche e di adeguate serie storiche impedisce di stabilire con esattezza quale sia, realmente, polo nord del freddo.

In inglese: Siberian High
In spagnolo: Anticiclón de Siberia
In tedesco: Sibirienhoch
In francese: Anticyclone de Sibérie

Ultima modifica: 2017-05-09 22:48:50
<- Torna alla pagina principale