Glossario meteorologico 

Home
ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWX Y Z

Wind chill (raffreddamento da vento)

Temperatura (°C):(°F):
Vento (km/h):(mph):
Umidità relativa (%):
Wind chill (°C):(°F):
Wind chill index(Kcal/m2/h):
Temperatura apparente (°C):(°F):
Il wind chill o raffreddamento da vento è un indice che si riferisce alla temperatura apparente percepita dal corpo umano in condizioni di basse temperature combinate a presenza di vento.
Le prime formalizzazioni di tale concetto sono attribuibili a Paul Allman Siple e Charles F. Passel entrambi componenti della terza spedizione dell'ammiraglio Byrd in Antartide prima della seconda guerra mondiale.
Fino agli anni '70, nelle regioni più fredde del Canada, i bollettini meteo riportavano il valore del wind chill index. Tale indicatore è ottenuto attraverso la seguente formula:

WCI=(10√V-V+10,5)*(33-Ta)
Dove:
WCI: wind chill index (Kcal/m2/h)
V: velocità del vento (m/s)
Ta: temperatura dell'aria (°C)

Valori crescenti del WCI indicano un crescente disagio termico, il valore di 1400 Kcal/m2/h rappresenta la soglia oltre la quale si ha il congelamento.
Questa prima versione dell'indice di raffreddamento da vento è, però, tutt'altro che priva di difetti. Si noti, per esempio, come, a parità di temperatura, si ottengano valori decrescenti con velocità superiori ai 90 km/h.
A partire dal 2001 i servizi meteorologici di Canada, Regno Unito e Stati Uniti hanno adottato una nuova formula messa a punto dal Joint Action Group for temperature Indices (JAG/TI) il team di ricercatori formatosi proprio con lo scopo di individuare uno standard nella comunità meteorologica nella misurazione dei danni causati dal raffreddamento da vento.
L'indicatore che ne risulta, il Wind Chill Equivalent Temperature, rappresenta, date determinate condizioni di vento e temperatura dell'aria, la temperatura equivalente (in assenza quasi totale di vento) corrispondente alla stessa perdita di calore subita da un viso scoperto(esposto al vento) di una persona che sta camminando alla velocità di 1,4 km/h in un contesto privo di barriere orografiche.
La formula per la scala Celsius è la seguente:

WCET=13,12+0,6215Ta-11,37V0,16+0,3965TaV0,16
Dove:
WCET: wind chill equivalent temperature (°C)
V: velocità del vento (km/h) all'altezza di 10 metri
Ta: temperatura dell'aria (°C)

Nei termini del sistema consuetudinario statunitense, invece, la stessa formula diventa:

WCET=35.74+0.6215Ta-35.75V0.16+0.4275TaV0.16
Dove:
WCET: wind chill equivalent temperature (°F)
V: velocità del vento (mph)
Ta: temperatura dell'aria (°F)

Quando fa molto freddo la capacità dell'aria di contenere vapore acqueo è ridotta ma al crescere della temperatura il fattore umidità contribuisce maggiormente alla sensazione di caldo o di freddo.
L'indice di temperatura apparente utilizzato dall'Australian Bureau of Meteorology viene calcolato tenendo conto anche dell'umidità.
La formula della temperatura apparente australiana è la seguente:

TA=Ta+0,33e-0,7V-4
Dove:
TA: temperatura apparente (°C)
Ta: temperatura a bulbo secco (°C)
e: pressione (tensione) di vapore
V: velocità del vento (m/s) all'altezza di 10 metri
La pressione di vapore, a sua volta, si calcola come segue:
e=rh/100*6,105*exp(17,27*Ta/237,7+Ta)
Dove:
rh: umidità relativa (%)


Come si può desumere, con tale formula, il valore calcolato della temperatura apparente cresce al crescere dell'umidità relativa. Tale indice, insomma, può essere utilizzato come indice di raffreddamento solo assegnando al parametro concernente il tasso di umidità relativa un valore costante.

In inglese: Wind chill, wind chill factor
In spagnolo: Temperatura de sensación
In tedesco: Windkühle, Windfrösteln
In francese: Refroidissement éolien
In olandese: Gevoelstemperatuur

Ultima modifica: 2017-10-12 12:32:11
<- Torna alla pagina principale